I motivi per cui leggere il mio blog potrebbe nuocere alla salute.

maggio 09, 2014

Non è molto complessa o profonda come motivazione. Anzi, è abbastanza superficiale.
Basti riflettere sul titolo che ho scelto per questo blog: "Briciole di me". "Di me" ergo voglio parlare di me e di tutto ciò che la parola "me" comprende. Un pensiero molto narcisista ed egocentrico, quasi presuntuoso. Ma io sono un po' così e non posso farci nulla. 

Si badi bene la differenza tra pensiero narcisista ed egocentrico e persona narcisistica ed egocentrica, perché io non sono più narcisista ed egocentrica della maggior parte delle persone nella media della normalità.
Ah, ecco un altro punto. Normalità. Io sono assolutamente ed inesorabilmente una persona normale. Ciò non significa che io sia insulsa e invisibile -notare la venatura presuntuosa di questa affermazione- sono speciale per i miei genitori,per i miei amici, i miei nonni, zii ecc.. ma oltre questo sono normale. Io non sono famosa, né talentuosa -venatura di autocommiserazione:made on- vado a scuola, mi vesto secondo gli usi, i gusti e le leggi della società consumistica in cui vivo, e desidero sopra ogni altra cosa, come ogni sognatore che si possa considerare tale, che qualcuno si accorga di quanto io sia unica e insostituibile. Cosa che ovviamente non accadrà, visto che secondo questo desiderio comune chiunque abbia un'età compresa tra i dodici e i ventidue anni o chiunque sia soggetto alla sindrome di Peter Pan dovrebbe essere considerato unico e insostituibile, e se tutti fossimo tali sentirci unici e insostituibili significherebbe essere delle persone qualunque quali in effetti siamo. Chiunque abbia capito questa filosofia mi mandi una mail perché devo porgergli i miei più sentiti complimenti.
Stranamente non ho perso il filo e dico la cosa che di me stessa mi rende più orgogliosa: io leggo moltissimo.
Non scherzo. Io leggo davvero moltissimo. Nel 2013 ho letto 52 libri, senza contare le FF -chi non è un nerd non può comprendere tale acronimo- racconti vari ed assortiti, manuali scolastici e libri lasciti a metà.
Cosa c'entra il fatto che io legga molto con il titolo del post? C'entra eccome. Chiunque abbia letto meno di 52 libri in un anno -e credo la maggior parte degli italiani- mi fa sentire superiore e migliore, cosa che davvero guasta alla mia personalità -aspiro ad essere una persona semplice e modesta-. Chi ha letto più di 52 libri ha lasciato il mio blog al primo errore di battitura facendo la scelta più sana.
Scrivo in Italiano. Un'altro motivo -stanno uscendo come funghi, non credevo fossero così tanti-. Ero tentata di tradurre i miei post in inglese come una brava italiana acculturata peccato siano sorti due problemi. Il primo è molto ovvio. Io non sono Inglese e non parlo un fluently English, quindi per evitare figuracce è meglio astenersi da traduzioni sperimentali. Il secondo motivo è per un fatto di pura estetica e di patriottismo: l'Italiano è più elegante, più aulico, più romantico e -lo so è assurdo- è dotato di un modo verbale in via di estensione che seppur molto raro rappresenta il cuore della Lingua Italiana. 

Faccio una breve sintesi nel caso qualcuno si sia addormentato, non abbia notato le parole in grassetto o si annoia a leggere tutto il post e preferisce le cose semplici e schematiche.

Motivi per cui leggere il mio blog potrebbe nuocere alla salute:

-Parlerà di me e di come percepisco il mondo
-Non avrà nessuna sfumatura particolare visto che io sono una persona normale.
-Ho letto 52 libri in un solo anno
-Non è tradotto in inglese (un urrà per il congiuntivo)


Direi che come motivi siano più che validi per abbandonare Briciole di me, ma se per caso a qualcuno di voi è  sorta una domanda riguardo al mio primo post oppure lo ha semplicemente trovato leggibile può scrivere nei commenti qui sotto o condividere il post su Facebook, su Tumblr, MySpace, Twitter o dove altro vuole. 

Ludo.




<a href="http://www.bloglovin.com/blog/13221791/?claim=k94zax4rk9s">Follow my blog with Bloglovin</a>


You Might Also Like

6 commenti

  1. Presentazione in grande stile! Ho letto la tua biografia e abbiamo parecchie cose in comune! Ti seguirò volentieri :)

    RispondiElimina
  2. grazie mille. è una droga ormai annotare la giornata e fotografare la settimana. =)

    RispondiElimina
  3. Finalmente una presentazione originale e degna di essere considerata tale. Complimenti.

    RispondiElimina
  4. Arrivo qui dal commento che m'hai lasciato. Sono così superficiale che a me invece basterebbe la treccia bionda che hai in foto per annamurarmi ;)

    RispondiElimina
  5. 52 libri in un anno, significa un libro alla settimana, sostanzialmente. Magari avessi il tempo di leggere così tanto. Purtroppo mi capita raramente di riuscirci (l'ultimo mese ho mantenuto una buona media, ma erano libri frivoli e leggeri), troppo impegnato fra casa, lavoro e cicli di sonno a volte troppo lunghi, altre troppo brevi.
    Scrivere in italiano è una rarità, oggi come oggi (cosa assai triste, dal momento che trovo la lingua italiana una fra le più divertenti, grazie ai giochi di parole che permette).
    Le persone "normali" non esistono. Esistono solo i "matti", che poi si dividono in matti allegri e matti noiosi. Potrei mandarti una mail per dirti "ho capito il ragionamento sull'impossibilità di essere tutti unici ed insostituibili a modo nostro" ma sono una persona fondalmentalmente pigra e sono reduce da 1800km fatti in 2 giorni, cosa che adoro ma che mi stanca sempre un pochino ^_^

    Ti auguro una buona permanenza su questi spazi (sebbene il tuo profilo mi dica che sei qui dal 2011).

    RispondiElimina

Blog Archive

Subscribe