Sugli anni venti

17:35:00

Volevo scriverci un racconto sugli anni 20', ma ho scoperto che non ho abbastanza tempo per mettermi alla testiera per tracciare la storia di una ragazza parigina che nel 1922 a diciotto anni -Thò, saremmo state coetanee- si aggirava per le sale da ballo di Parigi con cappelli piumati e gonne corte.
Ho fatto delle ricerche sugli anni ruggenti e ho trovato cose davvero fighe. Ve ne piazzo alcune qui perchè mi dispiace che sia stato tempo preso. Non sono notizie troppo nascoste, in rete si trovano facilmente, ma se non vi fosse mai venuto in mente di googlare anni 20'/emancipazione femminile, ecco qua quello che ho trovato.




Le giovani donne alternative e ribelli si vestivano stracciando le lunghe gonne delle madri bigotte e andavano a ballare questa musica QUI, agitando gambe nude e capelli corti "alla maschietta", che sono stati inventati da Coco Chanel in persona quando nella speranza di cucinarsi qualcosa -con i cappelli se la cavava, con la baguette un po' meno- si è bruciata l'acconciatura dando un taglio netto alla moda del 900' . 




Non scherzavano neanche con il trucco le maschiette, che fino a prima dell'emancipazione era visto come il simbolo della prostituzione.
La pelle doveva essere rigorosamente di porcellana,le labbra marcate e a forma di cuore, e gli occhi colorati di nero, come i caschetti super laccati.

Se vi è capitato di vedere un film muto dell'inizio novecento è chiaro come il trucco naturale sia stata un'ipotesi mai presa in considerazione poichè essendo le pellicole mute, il make up doveva aiutare gli attori -anche gli uomini!- ad esprimersi senza le parole. 




E poi, beh, a discapito del pensiero comune che lo reputa una proprietà privata di Marilyn Monroe, c'e stato nel 1921 il debutto dello Chanel N°5.




La nascita del film sonoro nel 1927 con Il Cantante di Jazz.




Il primo cortometraggio di Topolino nel 1928.




Nel 1929 è nata una delle personalità più eccellenti che ha vissuto a cavallo tra il nostro secolo e il quello passato: mio nonno, che ha ammirato la bellezza di Marlene Dietrich sui grandi schermi.




Le macchine da scrivere più celebri -Sono italiane, viva la patria!- del mondo.



... e le automobili italiane.




Se per caso deciderò di mettere nero su bianco la storia che ho pensato vi farò sapere gente. 




Ludo.



You Might Also Like

12 commenti

  1. Che bello vedere le eccellenze italiane!
    Eh, gli anni '20... gli anni di Topolino **
    E anche di un rinnovamento in atto non indifferente.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Topolino... non avevo idea che fosse così vecchio pensavo più agli anni 50.

      Elimina
  2. Sono curiosi gli anni '20. Anni di rinnovamento e fermento ma anche anni post bellici e pre bellici. Insomma, presi tra due fuochi non potevano che essere prolifici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono trovati in mezzo e hanno brillato come lucciole, figo no?

      Elimina
  3. ehm...non vorrei essere di parte, ma dalla rivoluzione francese alla moda delle maschiette vince la Francia, pardonne moi :)
    aspetto il racconto ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm anche l'Inghilterra non ha scherzato, ma se vogliamo parlare di alta moda non saprei come contraddirti.

      Elimina
  4. Io adoro gli anni '20, e trovo che Louise Brooks (della quale hai messo la foto) per me incarna alla perfezione quegli anni! Lo sai che le ragazze degli anni '20, quelle che ballavano il charleston e portavano i capelli alla maschietta, si chiamavano flapper girls? Io comunque aspetto il racconto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L' ho letto delle flapper girls, che fighe signori, la mia sarebbe stata una protagonista con i fiocchi.
      Louise Brooks poi, lei aveva un fascino davvero smisurato.
      Ma è una mia impressione o tutte le foto delle maschiette che ho trovato in rete ritraggono le donne delle fighe assurde? Tutte senza tette, con i visi perfetti, magre come chiodi e con le labbra belle tonde?

      Elimina
  5. Gli anni '20... Chissà dove eravamo a quei tempi.
    Sappiamo come vengano dipinti, sappiamo alcune delle cose accadute in quegli anni, ma non possiamo sapere come fosse davvero viverli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so, ma io le li immagino frizzanti e luccicanti.

      Elimina
  6. Non mi è mai venuto in mente di fare una ricerca simile. Hai scritto proprio dei fatti interessanti, non ne sapevo neanche uno D:

    RispondiElimina

Blog Archive

Subscribe